Potrebbe andare peggio

Facebooktwitterpinteresttumblrmail

Sono settimane che corro. Corro per capire come fare a non chiudere definitivamente. Come fare a pagare gli stipendi. Come fare a pagare le spese e i fornitori. Come fare a lavorare lo stesso e in sicurezza, perché non posso permettermi di restare a casa.

Corro per capire come fare a fornire prodotti all’altezza delle aspettative dei clienti. Come fare ad adattare la nostra maniera di lavorare ai nuovi scenari. Come fare per offrire un servizio adeguato al prezzo che chiediamo. Come fare per non trovarci senza gli approvvigionamenti utili a lavorare con continuità. Come fare a condurre un lavoro che andrebbe gestito da una mente fresca e sgombra da pensieri.

Stasera ho rallentato. Dopo l’ultima consegna, ho indugiato un po’ sotto quel portone chiuso. Ho alzato il naso verso il cielo per guardare cadere le gocce di pioggia che mi bagnavano il viso. E ho pensato che sarebbe stato peggio se non avesse piovuto.

rssinstagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *